La drammaticitÓ della situazione di alcune scuole superiori di Taranto e, in particolare, fra gli altri, del liceo Cal˛ Lisippo impongono a parere del CQV una decisa azione di quanti hanno a cuore la serenitÓ formativa dei giovani.

E' assurdo pensare che le soluzioni nella fattispecie debbano venire dai Dirigenti Scolastici del Pacinotti e del Cal˛, quando le responsabilitÓ sono e restano dell'Ente Provincia.

E la Provincia, peraltro, ha disdetto il palazzo di via Lago di Molveno dove lo scorso anno provvisoriamente era stato trasferito il liceo Cal˛.

Il CQV, nell'elevare vibrata protesta, ha chiesto l'intervento del Prefetto di Taranto, auspica una decisa azione dei Sindacati, si augura che anche l'USP intervenga a difesa degli studenti evitando sterili strumentalizzazioni.

Renzi ha inaugurato la SCUOLA BELLA, le linee guida per la centralitÓ della formazione, ma restano insoluti i problemi del quotidiano dall'edilizia scolastica, ai banchi, alle sedie, ai laboratori alle latitanze croniche come dimostra il caso Cal˛, l'Archita, il Ferraris e il Palazzo degli Uffici per il quale giustamente gli studenti si preparano a un sit-in il prossimo 22 settembre, al quale aderirÓ, nella Giornata dell'UniversitÓ jonica, il CQV, nello spirito di unitarietÓ della conoscenza.

Taranto 15 setttembre '14